I Tatuaggi della Dea

Un linguaggio sacro che risale alla notte dei tempi, un sistema di valori con cui società egualitarie hanno tramandato la loro cultura incidendolo sui corpi delle donne.

i-tatuaggi-della-dea-104788

Copertina

“Non vi farete incisioni nella carne, né vi farete tatuaggi addosso, io sono il Signore”. Levitico 19:28

I tatuaggi hanno una radice di stregoneria? Tatuarsi può influenzare la crescita spirituale di una persona? Marcare i nostri corpi è innaturale?

Nel porsi queste e altre domande, è nata in Claudio Zaini –titolare del Tattoo Studio Now Warriors di Piacenza- e nelle colleghe Licia Brandoni Elisa Salaris  l’idea del libro “I tatuaggi della Dea”, una ricerca approfondita e unica nel suo genere sulle vere e sacre origini del tatuaggio a cura dell’antropologa Michela Zucca, volta a comprendere ed andare oltre al conosciuto e alle vecchie credenze sull’argomento.

michela-zucca_30250

Michela Zucca

Michela Zucca, antropologa, ha svolto il suo lavoro di campo in Sud America, fra gli sciamani amazzonici, in Perù e Colombia. E’ specializzata in cultura popolare, storia delle donne, analisi dell’immaginario. Da più di dieci anni si occupa di formazione e sviluppo sostenibile in comunità rurali marginali, soprattutto alpine, come consulente di amministrazioni comunali e regionali, enti pubblici e privati, enti di formazione. Ha fondato la Rete delle donne della montagna ed il gruppo di ricerca di Ecologia umana e di Economia identitaria al Centro di ecologia alpina di Trento. Ha diretto i progetti europei Recite II “Learning Sustainability” e l’Interreg III C “Rete dei villaggi sostenibili d’Europa”. Questi progetti hanno coinvolto il Trentino in Italia, la Lapponia in Finlandia, l’Alentejo in Portogallo, l’Arad in Romania, e la Lomza in Polonia. Ha inoltre diretto il master in sviluppo locale di Formambiente – Ministero dell’Ambiente “Progetto integrato formazione ambiente – Area sviluppo sostenibile ASL02″. Ha insegnato Didattica della storia e Storia del Territorio all’Alta Scuola Pedagogica di Locarno (CH). Ha insegnato Storia all’Università di Torino, e Valutazione della qualità territoriale all’Università della Valle d’Aosta. Attualmente sta lavorando col Ministero della Pubblica Istruzione sulla scuola di montagna. Tiene seminari di antropologia all’Università della Svizzera Italiana, ai corsi per operatori sociali.

Se anche voi avete voglia di fare chiarezza su questo tanto dibattuto argomento, non potete perdervelo.
Buona lettura!